Trend Topic

infrastrutture

9 Giugno 2021

Snam, tra reti e servizi

Il recente ingresso di Snam nel settore dei servizi che fruiscono della rete di metanodotti evidenzia la necessità di coniugare la nuova attività con le regole europee e antitrust. L’articolo di Fabio Polettini su ENERGIA 2.21.

1 Giugno 2021

Infrastrutture Italia: l’eterna lotta tra investimenti e dividendi

Il sistema nazionale delle infrastrutture idriche, elettriche e gas è arretrato. Il rilancio economico passa per il loro ammodernamento. l’articolo di Domenico Borello, Alessandro Corsini, Riccardo Gallo, Francesco Napolitano e Giuseppe Paris (Osservatorio sulle Imprese, Università Sapienza) pubblicato su ENERGIA 2.21.

31 Maggio 2021

2.2021

Indice e autori del trimestrale ENERGIA 2.21

29 Luglio 2019

Transizione, investimenti e nuove dipendenze energetiche

Due errati convincimenti vanno diffondendosi sempre più sull’attualità e sul futuro dell’energia: che la transizione da fossili a rinnovabili sia prossima a venire e che questa rafforzerà la sicurezza e l’indipendenza energetica di molti paesi.

20 Giugno 2019

La digitalizzazione alle porte del settore elettrico

La digitalizzazione sta permeando il settore elettrico. Come andrà a finire? Jean-Michel Glachant e Nicolò Rossetto della Florence School of Regulation ne parlano su Energia 2.19, offrendo un quadro analitico per comprendere meglio le opportunità che il mondo digitale può offrire a quello dell’energia.

20 Giugno 2019

Internazionalizzazione, una sfida per le utility nostrane

Demografia, urbanizzazione, rischi climatici sono tendenze che portano con sé una forte domanda di investimenti in infrastrutture. Intercettare questa domanda è la sfida del capitalismo del nostro secolo che le utility italiane possono e devono raccogliere, sostiene Tobia Desalvo su Energia 2.19.

22 Marzo 2019

Via della Seta o Tela del Ragno?

Con l’accrescere dei rapporti con la Cina nell’energia muta la natura ma non la sostanza della nostra sicurezza energetica. Da una dipendenza dall’estero fisica, nel caso di petrolio e metano, nei confronti di un ampio spettro di fornitori ad una, forse più problematica e rischiosa, tecnologica nel caso della mobilità elettrica nei confronti di un quasi-monopolista: quello cinese.