Trend Topic

regolazione

3 Giugno 2020

Lezioni per i regolatori (parte terza): l’impatto del lockdown sul sistema elettrico del Regno Unito

Sebbene il primo impatto del lockdown sia stato simile a quello riscontrato in Germania – aumento delle rinnovabili e calo dei prezzi all’ingrosso in primis – una serie di indizi fanno ritenere che il sistema elettrico del Regno Unito si sia dimostrato meno pronto ad assorbirlo. Il primo è la richiesta per ragioni di sicurezza dell’offerta di disconnettere i piccoli impianti connessi alle reti che non partecipano al meccanismo di bilanciamento. Il secondo sono le sempre più frequenti e intense congestioni sulla rete elettrica. Il terzo, l’attivazione di un servizio che compensa i piccoli impianti rinnovabili per azzerare progressivamente la loro produzione. Ma anche quando le pale eoliche girano lentamente la rete elettrica britannica ha un elevato rischio di blackout. Un’ultima lezione infine vale per tutti i sistemi elettrici, e riguarda i sistemi di accumulo.

3 Giugno 2020

Lezioni per i regolatori (parte seconda): l’impatto del lockdown sul sistema elettrico tedesco

In aprile, le rinnovabili in Germania hanno coperto il 60% della produzione elettrica nazionale con punte dell’80%. Quale impatto sul sistema? Dei prezzi all’ingrosso la reazione più immediata e vistosa, con oscillazioni esattamente inverse rispetto a quelle altrettanto elevate della produzione elettrica rinnovabile. Cambia il saldo “import-export” nonostante le ore con prezzi negativi siano più che raddoppiate in un anno: segno che il mercato tedesco ha perso competitività. Lo schermo di protezione per le rinnovabili dai prezzi negativi comporta un inevitabile aumento degli oneri di sistema, scaricato nelle bollette soprattutto di consumatori domestici e piccole imprese. Un ulteriore fronte da tener monitorato è infine quello delle congestioni di rete. Le ultime considerazioni sono dedicate all’operazione di realpolitik industriale in atto tra Germania e Olanda.

19 Maggio 2020

Quer pasticciaccio brutto (dei certificati bianchi)

I controlli sui titoli di efficienza energetica accertano con sempre maggior frequenza incentivi indebitamente percepiti. In piena emergenza COVID-19 e con bassi prezzi dell’energia, servirebbe un sistema di promozione dell’efficienza energetica armonizzato a livello europeo.

16 Marzo 2020

Il retail elettrico oggi

L’apertura alla concorrenza nel retail elettrico è stata vista come la soluzione migliore per beneficiare della liberalizzazione del mercato all’ingrosso, ma il modello di riferimento degli ultimi vent’anni ha creato distorsioni e una distribuzione iniqua dei costi di sistema. Su Energia 1.20 una ricerca dell’OIES spiega perché è necessario ripensare la regolazione e il design del mercato retail.

17 Dicembre 2019

PPA per far crescere le rinnovabili e centrare gli obiettivi del PNIEC

Nel mondo anglosassone, grazie a un contesto industriale e finanziario favorevole, i «nuovi» PPA consentono a utility e aziende energivore di concordare l’acquisto di elettricità direttamente con i produttori rinnovabili, con benefici per ambe le parti. Un’opportunità anche per l’Italia? Sì, soprattutto se si vogliono centrare gli obiettivi del PNIEC. Giovanni Goldoni su Energia 4.19.

13 Novembre 2019

Non se ne può davvero più!

Sono quotidiane e ripetute le pratiche scorrette di chi tenta di convincere i consumatori a passare, anche con l’inganno, dal regime di maggior tutela al mercato libero dell’elettricità. Perché ARERA non interviene nonostante spetti a lei farlo?

8 Luglio 2019

ARERA: buona la prima?

La prima relazione annuale del nuovo collegio dell’Autorità di regolazione di elettricità, gas, acqua, rifiuti ARERA ha raccolto ampi apprezzamenti. Il Direttore della Rivista Energia non nasconde invece una parziale delusione.